Trattamento fiscale rimborsi spese dei professionisti

TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL PROFESSIONISTA

Si tratta in questo caso di spese sostenute dal professionista per conto del cliente ma in nome proprio, cioè con fattura o ricevuta fiscale intestata direttamente al professionista.

In questo caso i rimborsi – se afferenti spese di carattere generale e non direttamente riconducibili e strumentali ad uno specifico incarico professionale (ad es. spese di segreteria generali, spese di utilizzo autovettura, ecc.) -sono assimilati a compensi, e devono quindi essere inseriti in fattura, assoggettati ad IVA, contributo Cassa di previdenza e ritenuta d’acconto alla stregua degli altri compensi percepiti.

TRATTAMENTO FISCALE SPESE ANTICIPATE DAL COMMITTENTE

In questi casi, caratterizzati dal fatto che la spesa viene anticipata dal professionista ma il documento fiscale (fattura o ricevuta) è intestato al cliente, le spese vengono trattate come nel caso di cui all’esempio di fattura n. 2.

La soluzione di cui in precedenza è esplicitamente riportata nella norma di cui all’art. 4 del D.P.R. 917/1986, comma 5, con riguardo alle spese di vitto, alloggio, viaggio e trasporto.

Tale esplicita indicazione si è resa necessaria in seguito ad una discutibile interpretazione dell’Agenzia delle entrate (Circ. Ag. Entrate 04/08/2006, n. 28/E), ove si sosteneva che i rimborsi spese in questione dovessero necessariamente essere considerati dal professionista come compensi, in pratica facendoli ricadere nell’esempio di fattura n. 1, anche con fattura direttamente intestata al cliente.

css.php