Archivio di dicembre 2017

Decisioni del Consiglio del 13 Dicembre 2017

Delibere del 13 Dicembre 2017

Formazione – autocertificazione

Si comunica che da martedì 19 Dicembre 2017 e fino al 31 Marzo 2018 si potrà compilare, esclusivamente attraverso il portale www.mying.it l’autocertificazione peri i 15 CFP (crediti formativi professionali) relativi all’aggiornamento informale legato all’attività professionale svolta nel 2017. Il modello, simile a quello dello scorso ano, e le modalità di invio sono descritti nell’allegato.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE AUTOCERTIFICAZIONE 15 CFP

Sempre a partire dalla data del 19 dicembre sarà possibile inoltrare istanza di riconoscimento CFP Formali per le seguenti attività svolte nel 2017:

  • partecipazioni a commissioni o gruppi di lavoro
  • concessione brevetti
  • pubblicazioni ed articoli
  • commissioni di esame di stato

Per l’istanza occorre compilare l’apposito modello attraverso il portale www.mying.it cliccando sul taso “richiedi CFP informali” disponibile nella pagina “autocertificazioni”.

Le istanze dovranno essere inviate esclusivamente attraverso il portale www.mying.it

Si consiglia di non aspettare gli ultimi giorni.

 

 

Inarcassa: Dichiarazione 2017 obbligatoria anche per i titolari di partita Iva agricola ed edile

Il CdA, in coerenza con il dettato del RGP in tema di obblighi dichiarativi, ha rettificato una precedente disposizione e pertanto anche i professionisti ingegneri e architetti titolari di partita Iva agricola ed edile dovranno presentare la dichiarazione a Inarcassa a partire dai redditi e volumi d’affari 2017 (entro ottobre 2018).

Inarcassa – mettersi in regola con il ravvedimento operoso

L’Anagrafe Tributaria dell’Agenzia delle Entrate ha trasmesso i dati reddituali del 2015. Verifica la tua posizione tramite l’applicazione su Inarcassa On Line consultando gli estratti conto (dichiarazioni e contributi) e, se necessario, sana eventuali irregolarità (dichiarazione omessa o errata, mancato versamento dei contributi). Usufruendo del ROP ridurrai la sanzione del 70%, ma la richiesta va inoltrata su IOL prima che l’irregolarità sia contestata da Inarcassa.

 

Conguaglio contributivo Inarcassa dell’anno 2016 va corrisposto entro il 31 dicembre 2017

Il conguaglio contributivo dell’anno 2016, se dovuto, va corrisposto entro il 31 dicembre 2017, tramite il bollettino da generare su Inarcassa On line (IOL) alla funzione “Calcolo contributo e prenotazione MAV”. A chi ha richiesto nei termini (31.10.2017) la rateazione dell’importo e desidera annullarla, può farlo, sempre da IOL. Ricordiamo inoltre che la rettifica della dichiarazione trasmessa dopo il 31 ottobre fa decadere la rateazione del conguaglio. In entrambi i casi sarà necessario provvedere al saldo contributivo in unica soluzione generando il MAV, con le modalità già indicate, in tempo utile per il versamento entro il 31/12.

Dichiarazione Inarcassa 2016. Niente sanzioni per invio entro il 31/12

I termini per l’invio telematico della dichiarazione sono scaduti lo scorso 31 ottobre. Chi non ha ancora trasmesso la dichiarazione, può evitare le sanzioni inviandola entro il 31 dicembre e versando entro lo stesso termine l’eventuale conguaglio da corrispondere per il 2016, che con Inarcassa Card, nell’evenienza, si può ancora rateizzare.

Indennità di paternità: minimo / massimo erogabile e tempi di richiesta

Inarcassa ha introdotto l’assegno di paternità in favore dei padri liberi professionisti iscritti all’associazione, erogabile per il periodo in cui la madre non abbia diritto ad analoga indennità, per le nascite, adozioni, affidamenti che avverranno dal 1° gennaio 2018, data di entrata in vigore della nuova normativa. Il CdA, nella riunione di ottobre, ha deliberato le modalità di calcolo per la definizione dei valori minimo e massimo dell’indennità, che saranno determinati ogni anno insieme a quelli relativi alla maternità. Essi sono fissati provvisoriamente, salvo aggiornamenti per il 2018, a € 2.231 per l’indennità minima e a € 11.155 per quella massima. Stabiliti anche i termini di presentazione delle domande.

Mappe catastali online, al via il servizio di consultazione dinamica

È attivo il nuovo servizio di consultazione dinamica delle mappe catastali online per PA, imprese, professionisti e cittadini. Ecco come funziona

Dal 23 novembre scorso è attivo sul sito dell’Agenzia delle Entrate il servizio di consultazione dinamica delle mappe catastali on line ad accesso libero per Pubbliche Amministrazioni, imprese, professionisti e singoli cittadini.

Con il provvedimento del 23 novembre 2017 l’Agenzia delle Entrate dà attuazione al dlgs 32/2010, concernente l’infrastruttura per l’informazione territoriale in Europa, di recepimento della direttiva 2007/2/CE.

Finalità

Lo scopo è quello di favorire la conoscenza, la disponibilità e l’interoperabilità dei dati geografici e territoriali tra le PA, anche attraverso la realizzazione di servizi in rete, nonché facilitare l’accesso del pubblico alle informazioni territoriali ambientali in Europa

css.php